Con occhi diversi

Quattro visioni artistiche, quattro luoghi da scoprire e uno unico desiderio di valorizzare la città con uno sguardo che vada oltre i monumenti più noti: Pisa con gli occhi di… è una mostra collettiva che ci regala un’altra città.

Quattro luoghi diversi della città per un’unica mostra che racconta Pisa: fino al 27 novembre, la mostra di pittura Pisa con gli occhi di sarà ospitata in quattro diversi e spazi, l’atrio del Comune in Palazzo Gambacorti, Palazzo Lanfranchi, il foyer del teatro Verdi e la nuova sala Sammartino Arsenale, recentemente inaugurata, in via San Martino.

Se è vera, ed è vera, la vecchia storia che i turisti conoscono di Pisa quasi soltanto la piazza dei miracoli e che spesso anche i pisani dimenticano quanti luoghi meravigliosi si nascondono dietro i portoni di palazzi, teatri e musei, questo progetto, patrocinato dal Comune di Pisa e dal Teatro Verdi, e voluto dalle associazioni Piagge Convivio, I Cavalieri, AlterEgo, San Francesco, mira proprio a darci un’alternativa. E lo fa attraverso gli occhi, e dunque l’opera, degli artisti.

Che proporranno, in forma individuale o collettiva, ognuno alla propria maniera, ciò che della città li ha colpiti. Nell’atrio del Comune esporrà Ernando Venanzi, a Palazzo Lanfranchi Bruno Pollacci; il gruppo Arte Arno Studio, con i suoi artisti, saranno invece nel foyer del teatro mentre GAMec porterà i propri artisti nella Sammartino Arsenale.

“Ciò che si è inteso proporre – scrivono gli organizzatori -, non solo ai turisti ma anche ai pisani, è guardare la città anche in quei luoghi più nascosti e scoprirne il fascino e le suggestioni attraverso gli occhi di soggetti diversi”. Per la mostra sono stati scelti per primi i pittori perché Pisa ha avuto, ed ha tutt’ora, una importante tradizione pittorica e le opere che parlano di Pisa, anche attraverso i personaggi che l’hanno visitata o vi sono nati, possono regalare una prospettiva nuova, curiosa ed interessante. Per lo stesso motivo, è stato deciso di allargare la mostra in luoghi diversi all’interno della città per dare l’opportunità di visitarli: dall’atrio del Comune a Palazzo Lanfranchi, dal foyer del teatro Verdi alla nuova sala Sammartino Arsenale, recentemente inaugurata”.

Durante il periodo della mostra sarà possibile incontrare gli artisti e condividere con loro le motivazioni che li hanno condotti verso quei luoghi che hanno fissato nella tela così da rendere l’appuntamento ancora più diretto e interattivo.

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...