Quel genio di Fibonacci

Dal 19 al 23 novembre Pisa celebra Leonardo Pisano, quel Fibonacci che con la sua genialità ci ha dato un nuovo modo di leggere il mondo: con incontri, concerti e convegni lo festeggiamo per quattro giorni in corrispondenza del 11/23.

Tornano in presenza le iniziative per celebrare a Pisa l’anniversario di Leonardo Pisano, detto il Fibonacci. Considerato uno dei più grandi matematici moderni, autore del Liber Abbaci e noto per la celebre sequenza numerica che porta il suo nome, Fibonacci nacque a Pisa nel 1170. Per rendere merito al suo genio, per il terzo anno consecutivo il Comune di Pisa, in collaborazione con l’Università di Pisa, il Sistema Museale di Ateneo, la Scuola Normale Superiore e con il sostegno di Ufficio Scolastico Provinciale di Pisa, Archivio di Stato di Pisa, Museo della Grafica, Museo degli Strumenti per il Calcolo e Accademia Musicale Strata organizzano le Giornate Fibonacci dal 19 al 23 novembre, un programma di quattro giorni dedicati alla sua figura con convegni, incontri, concerti che si svolgeranno tra Palazzo della Sapienza, Palazzo Gambacorti, Polo Le Benedettine, Archivio di Stato e Museo della Grafica. Le celebrazioni cadono intorno al 23 novembre, noto internazionalmente come il giorno di Fibonacci, perché secondo la tradizione americana, la data diventa 1 1/ 2 3, ossia l’inizio della successione che porta il suo nome: una sequenza di numeri in cui ogni numero è la somma dei due che lo precedono.

“Dopo avere dato vita alle Giornate Galileiane – dichiara l’assessore Paolo Pesciatini – che ho inaugurato all’inizio del mandato, si è pensato, unitamente alle nostre università, di iniziare anche le celebrazioni dedicate a Leonardo Pisano detto Fibonacci. L’anno scorso in occasione dell’850° anniversario della sua nascita a Pisa, che secondo la tradizione più accredita risale al 1170, ho rivolto al Ministero dello Sviluppo Economico istanza per l’emissione di un francobollo commemorativo dell’illustre genio pisano, il primo francobollo italiano dedicato alla sua figura. Il programma dell’anno passato è stato fortemente ridotto a causa della pandemia, ma avevamo promesso che nel futuro avremmo fatto diventare il 23 novembre un appuntamento della città e per la città”.

“Il 19, 20, 21 e 23 novembre – prosegue l’assessore – ricorderemo la grande rivoluzione conoscitiva compiuta da Fibonacci che è il frutto di ricerche, fusioni e soluzioni originali tanto da poterlo considerare il primo algebrista cristiano, il più grande matematico del medioevo, il maggior genio scientifico del XIII secolo. La successione di Fibonacci e il numero aureo si manifestano in modo spettacolare in una interminabile varietà di fenomeni e contesti come ad esempio nella musica, nelle arti figurative, nell’armonia della natura, e queste giornate saranno l’occasione per dimostrarlo. Pisa, dunque, anche grazie a uomini di genio come Leonardo Pisano, è sempre stata davvero protagonista in ogni processo innovativo, rivelandosi nel tempo città dei saperi: dei saperi scientifico-tecnologici e delle scienze umanistiche. Ad essa si legano nomi grandissimi di origine pisana o che comunque hanno attinto alle sue profonde radici culturali e noi, come nel caso di Leonardo Pisano detto Fibonacci, abbiamo il dovere di ricordare e onorare coloro che l’hanno resa famosa nel mondo, per guardare al nostro futuro attingendo sempre al suo glorioso passato.

“Quest’anno – conclude Pesciatini – il programma si è arricchito ulteriormente grazie alla partecipazione, oltre che dell’Università di Pisa, della Scuola Normale, del Museo della Grafica e del Sistema Museale d’Ateneo, anche dell’Archivio di Stato di Pisa, della Società Storica Pisana e dell’Accademia di musica Strata.”

“Fibonacci – ha aggiunto la professoressa Chiara Bodei, presidente del Sistema Museale d’Ateneo – fu uomo di numeri e di lettere, ma soprattuto fu ambasciatore della matematica, colui che diffuse la matematica dei numeri arabi dall’altra parte del Mediterraneo e da qui in tutta l’Europa. Per l’importanza rivestita dalla sua figura, ci piace contribuire come Università di Pisa e come Sitema Museale d’Ateneo a dare stabilità alle celebrazioni a lui dedicate a Pisa che fu la sua città natale. Come Ateneo siamo soddisfati di presentare l’edizione critica del Liber Abbaci in cui Fibonacci introduceva lo studio della matematica già in maniera sperimentale, per mezzo di esempi ed esercizi. Il libro rappresenta un importante lavoro di ricostruzione filologica del suo lavoro e delle sue elaborazioni, prima tra tutte la successione che porta il suo nome, che si ritrova poi in tantissime discipline, dalla botanica, alla musica, all’arte.”

Il programma delle Giornate Fibonacci 19-23 novembre 2021

VENERDÌ 19 NOVEMBRE

Palazzo della Sapienza, Aula Magna Nuova – Via Curtatone e Montanara ore 15 e 18 

Saluti ufficiali e presentazione dei giorni dedicati a Leonardo Pisano detto Fibonacci. Interventi di: Paolo Mancarella Rettore Università di Pisa, Paolo Pesciatini Assessore al Turismo del Comune di Pisa. 

Presentazione dell’edizione critica del Liber Abbaci curata da Enrico Giusti, in collaborazione con Paolo D’Alessandro. Interventi di: Enrica Salvatori Università di Pisa, Franco Ghione Università di Roma Tor Vergata. Con Enrico Giusti Università di Firenze (in collegamento). Modera Pier Daniele Napolitani Università di Pisa

SABATO 20 NOVEMBRE

Palazzo Gambacorti, Sala Baleari | ore 17.30

Milli Russo Conferenza sul tema “La sequenza di Fibonacci in musica. Da Bach ai Genesis: un originale percorso di ascolto tra i numeri”

DOMENICA 21 NOVEMBRE

Polo Le Benedettine – Piazza San Paolo a Ripa d’Arno, 16 | ore 15.00

Seminario “Crescite esponenziali da Fibonacci al fattore Rt” Federico Giovanni Poloni Università di Pisa

Seminario “Il Fibonacci: breve viaggio, alla ricerca della bellezza, tra piccole gemme matematiche” Edoardo Sinibaldi Istituto Italiano di Tecnologia IIT di Genova, Massimo Gobbino, Tullio Franzoni e Marco Forti, Università di Pisa

Visita alla mostra “Hello World! Dall’aritmometro allo smartphone”

Archivio di Stato – Lungarno Mediceo | ore 18.00

Presentazione del libro Leonardo Pisano, Fibonacci, Per novem Figuras Indorum di Alessandro Canestrelli, con Jaleh Bahrabadi, Gabriella Garzella e Paolo Pesciatini

Inaugurazione della mostra “Fibonacci l’uomo e il suo tempo” a cura di Rosalia Amico

MARTEDÌ 23 NOVEMBRE

Museo della Grafica – Lungarno Galilei, 9 | ore 17.30

Cerimonia per l’annullo speciale del francobollo dedicato a Fibonacci. Inaugurazione della mostra “Il mercante dei numeri: Leonardo Pisano, detto Fibonacci. Percorso filatelico nella biografia del grande matematico”, a cura di Fabrizio Fabrini 

Ore 19.00 Concerto di Federico Rovini, pianoforte, Francesco Negroni e Lorenzo Corti, viole. Musiche di J. S. Bach, F. Chopin, C. Debussy, B. Bartók “Fibonacci: dai numeri alle parole, dalle parole alle note”.

Per partecipare a tutte le iniziative è necessario esibire il green pass in ingresso. I posti saranno disponibili fino ad esaurimento della disponibilità.

Oltre agli eventi che si svolgono a Pisa, quest’anno anche a San Giovanni Valdarno dal 20 al 27 novembre si celebrerà Leonardo pisano, detto Fibonacci. In particolare verrà ospitata l’istallazione presentata nell’edizione del 2020: un exhibit in realtà aumentata che trasforma le pagine dell’albo a fumetti Il libro di Leonardo di Claudia Flandoli, in immagini in movimento, a cura di Museo degli Strumenti per il Calcolo e La Jetée.

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...