Una casa per tutti

Politiche abitative, 62 nuove assegnazioni di alloggi popolari. L’obbiettivo ora sono consegne rapide, ma senza rinunciare a controlli severi per poter individuare prontamente eventuali irregolarità.

Nei primi sei mesi del 2021 sono state consegnate 62 case popolari ad altrettante famiglie; 25 sono state le assegnazioni definitive; 22 quelle temporanee e 15 le assegnazioni per mobilità. Sono stati resi noti i dati del primo semestre del 2021 che registrano un buon andamento nelle politiche abitative. Nel 2020 le nuove assegnazioni di alloggi erano state 61.

“Seguendo la legge – spiega l’assessore alle politiche abitative Gianna Gambaccini -, siamo riusciti ad assegnare 25 alloggi in via definitiva e 22 in forma temporanea, a famiglie che ne possedevano requisiti, cittadini italiani e stranieri. Al tempo stesso, saremo rigorosi nel controllo del mantenimento delle regole. Proprio nella prossima riunione del Lode abbiamo all’ordine del giorno l’approvazione del nuovo regolamento di utenza”. 

“Le assegnazioni sono state fatte grazie ai criteri di storicità di residenza e alla possibilità che concedeva la precedente legge regionale e l’attuale in vigore n 2/2019 di chiedere il certificato di impossidenza all’estero, visto che l’autocertificazione per i cittadini extracomunitari potrebbe essere discriminatoria nei confronti dei cittadini italiani molto più facilmente controllabili. Con una delibera di Giunta del 2020, prima della pubblicazione del bando ERP, abbiamo inserito anche la richiesta di certificato di impossidenza per gli stranieri comunitari, proprio per evitare qualsiasi discriminazione. Ritengo, tuttavia, che se la legge regionale verrà modificata come da indirizzo della giunta regionale per togliere dai requisiti di accesso la storicità di residenza sarà la vittoria non di un diritto costituzionale ma la conferma di una vera e propria guerra fra poveri: fra chi ha bisogno della casa e deve fare i conti con un numero limitato di alloggi popolari, già al momento non soddisfacente per accontentare il bisogno di tutti. Ritengo che la risposta della politica a questa domanda non debba essere di evitare ricorsi alla Corte costituzionale ma di aiutare i cittadini e debba consistere pertanto nel trovare rapidamente fondi a livello regionale, nazionale e comunitario per costruire nuove case popolari, magari approfittando delle risorse destinate all’Italia con il nuovo Recovery plan”. 

In totale nel 2019 erano state assegnate 87 case popolari, di cui 52 assegnate in via definitiva (45 a italiani e le restanti a cittadini stranieri); nel 2020, anno della pandemia, è stato registrato un rallentamento con 58 assegnazioni tra le 19 per alloggi ERP (11 a italiani e 8 a stranieri), 17 a utilizzo autorizzato e temporaneo (di cui 15 a italiani) e 22 per mobilità. Mentre nei primi sei mesi del 2021 le assegnazioni sono già 62, di cui 25 di alloggi ERP (13 italiani e 12 stranieri), 22 a utilizzo autorizzato temporaneo (di cui 10 italiani e 12 stranieri) e 15 per mobilità, tutti italiani.

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...