Niente alcolici: c’è il Covid -2

Il divieto di vendita di alcolici si estende ad altri due supermercati del centro: un’ulteriore misura anticovid, per salvaguardare sicurezza e salute dei cittadini. O almeno, questa è l’idea: meno alcol si tradurrebbe in minori assembramenti a rischio contagio.

Il sindaco di Pisa Michele Conti ha firmato un’integrazione all’ordinanza contingibile e urgente dello scorso 19 febbraio che ha disposto la cessazione dell’attività di vendita di bevande alcoliche nei minimarket, supermercati ed esercizi commerciali della zona di Corso Italia, ovvero Pam di via Pascoli, Conad di via del Cottolengo, Carrefour Express di via San Martino, a partire dalle ore 16 di tutti i giorni della settimana. Con l’integrazione pubblicata oggi venerdì, a partire da domani sabato 6 marzo, il divieto di vendita di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione si estende anche ai supermercati Pam di via San Lorenzo (angolo Borgo Largo) e Carrefour Express di via Francesco da Buti (a fianco della Stazione Leopolda), sempre dalle ore 16 di tutti i giorni della settimana.

“Dato il costante aumento dell’indice di contagiosità del virus tra la popolazione – spiega l’assessore alla sicurezza Giovanna Bonanno – abbiamo ritenuto utile, anche alla luce di quanto valutato in sede di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza che si è tenuto in videoconferenza con la Prefettura, di estendere l’ordinanza già in vigore anche ad altri supermercati del centro, per evitare il verificarsi di episodi di assembramento fuori da minimarket e supermercati che vendono alcoolici a basso prezzo. A seguito, infatti, dei controlli effettuati in collaborazione tra Forze dell’Ordine e Polizia Municipale nei giorni scorsi, sono stati riscontrati assembramenti nelle immediate vicinanze delle attività ancora non toccate dal divieto di vendita ed è per questo che si è reso necessario provvedere con ulteriori misure, al fine di salvaguardare la sicurezza e la salute dei nostri cittadini.”

Anche questa integrazione, come l’ordinanza stessa, rimarrà in vigore, salvo proroghe, fino a quando la Regione Toscana rimarrà compresa nella zona arancione o nella zona rossa, secondo quanto stabilito dalle ordinanze del Ministero della Salute. Si ricorda che i titolari, i legali rappresentanti e gli addetti agli esercizi commerciali, sono da considerarsi direttamente responsabili dell’osservanza degli obblighi impartiti con l’ordinanza. I trasgressori saranno sanzionati con la sanzione amministrativa del pagamento da 400 a 3 mila euro; in caso di reiterata violazione della medesima disposizione, la sanzione amministrativa pecuniaria è raddoppiata da 800 a 6 mila euro; trattandosi di attività di impresa, si applica anche la sanzione amministrativa accessoria della chiusura dell’esercizio o dell’attività da 5 a 30 giorni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...