Libri, libri, libri

Sotto forma di buoni spesa, è stata data alle scuole superiori pisane la possibilità di arricchire le biblioteche scolastiche con tanti nuovi titoli: perché mai come in questo periodo bisogna fare di tutto per non rischiare che il legame tra i più giovani e la lettura si indebolisca.

La lettura, si sa, è alla base dell’arricchimento culturale e i libri non sono mai abbastanza. Ci sono luoghi, come la scuola, dove l’amore per la lettura dev’essere insegnato e casi, come il periodo che stiamo vivendo, che mettono a dura prova il rapporto tra i ragazzi e i libri. I buoni per l’acquisto di libri donati alle scuole secondarie di secondo grado per rifornire le biblioteche scolastiche sono un modo perché il legame dei ragazzi con la lettura si alimenti. E un aiuto all’economia cittadina visto che saranno spendibili in alcune librerie pisane.

I Buoni, per un totale di 24.544,00 euro, sono stati suddivisi tenuto conto della popolazione studentesca e potranno essere spesi entro 12 mesi dalla consegna.

Gli istituti coinvolti sono BuonarrotiSanta Caterina ( 3.943,00 euro), Liceo Ulisse Dini (2.943,00 euro), Liceo RussoliIpsar Matteotti (5.886,00 euro), IS Galilei Pacinotti Carducci (5.886,00 euro), IIS L. da Vinci FascettiSantoni Gambacorti (5.886,00 euro). 

“A causa del perdurare dell’emergenza epidemiologica – spiega la vicesindaco Raffaella Bonsangue – gli studenti della Scuola secondaria di II grado, risultano particolarmente colpiti dalle misure di contenimento. In questa fase difficile abbiamo ritenuto la lettura uno strumento di crescita personale, soprattutto per i giovani sempre più orientati al consumo digitale, e abbiamo voluto contribuire ad accrescere il patrimonio delle Biblioteche scolastiche, quale fondamentale ambiente di apprendimento. Nel rispetto dell’autonomia scolastica, abbiamo chiesto agli istituti di utilizzare una parte dei contributi che abbiamo concesso per acquistare testi di educazione civica, in modo da formare cittadini consapevoli. Confidiamo in un utile apporto di questi titoli al patrimonio delle Biblioteche scolastiche anche per comprendere meglio le tendenze evolutive della cultura giovanile e per calibrare, in futuro, le politiche giovanili del Comune”.

Ciascun istituto potrà acquistare i libri in un’unica soluzione per il valore riportato sul buono oppure in più soluzioni entro un anno dalla data di emissione. Ad ogni istituto è stata poi abbinata una libreria cittadina per la fornitura dei testi, tra la Blu Book di via Toselli, Stampacchia Enrico di piazza Cavallotti, Musetti di via Cavour, Libreria Pellegrini di via Curtatone e Montanara, Tra Le Righe di via Corsica.  Per determinare l’abbinamento tra librerie fornitrici e istituti è stato effettuato il sorteggio.

“Quella del Comune – ha dichiarato la dirigente del Liceo Carducci, Sandra Capparelli – è un’iniziativa preziosissima: in un mondo come quello di oggi in cui i ragazzi sono sempre connessi, leggere un libro significa regalarsi un momento importante di riflessione e la possibilità di viaggiare con la fantasia”. Maurizio Berni, dirigente dell’Istituto di istruzione superiore Santoni ha infine sottolineato come questa iniziativa sia doppiamente importante perché “consente di dare un piccolo sostegno anche alle imprese del territorio”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...