Il regalo del teatro

Uno spettacolo da seguire sul sito del teatro Verdi dal 5 al 7 gennaio: L’Italiana in Algeri di Rossini, nella versione per marionette della compagnia Carlo Colla & figli, è il regalo che il teatro fa agli spettatori nei giorni della befana, in attesa di riaprire le porte di palchi e platea.

Un regalo per la Befana, da gustarsi dalle 18 di martedì 5 alle 18 di giovedì 7 gennaio: 48 ore durante le quali scegliere quando andare sul sito del Teatro di Pisa e gustarsi un classico della lirica nella riduzione per marionette della più grande e antica compagnia di marionette del mondo. Un regalo sul cui biglietto c’è scritto che la speranza è di vedersi presto a teatro, finalmente liberi di sedersi sulle poltroncine di velluto e applaudire, dal vivo, tutti i professionisti che in questo periodo hanno dovuto smettere di lavorare.

Intanto possiamo goderci questo regalo che la Fondazione Teatro di Pisa, la Fondazione Toscana Spettacolo onlus e l’Amministrazione comunale di Pisa ci fanno riaffermando il proprio impegno nei confronti degli spettatori e dei lavoratori del settore, con questo classico della tradizione marionettistica.

L’italiana in Algeri, dramma giocoso di Angelo Anelli con musiche di Gioachino Rossini, viene messo in scena dalla storica compagnia marionettistica Carlo Colla & Figli. Lo spettacolo ha debuttato nel luglio 2019 al Teatro Rossini di Pesaro come anteprima del Rossini Opera Festival. Questa celeberrima compagnia, la più grande e antica esistente al mondo e attiva da più di due secoli, oltre alle produzioni degli ultimi vent’anni, amplia con questa produzione il suo repertorio lirico legando le note di Rossini al gesto dell’attore di legno.

Questo dramma giocoso in due atti su libretto di Angelo Anelli vide la sua prima rappresentazione a Venezia nel 1813 e si dice sia stato messo in musica da Gioachino Rossini in soli ventisette giorni. Il grande compositore qui riuscì a infondere nuova vitalità e a rinnovare i clichés della farsa e degli schemi buffi, da troppo tempo cristallizzati nell’opera comica italiana, trattandoli con trascinante virtuosismo e realismo comico.La vicenda si svolge alla corte di Mustafà, bey di Algeri, il quale stanco della moglie (Elvira), e delle schiave del suo harem, decide di provare un’amante italiana. Grazie all’intervento dei corsari, dopo un naufragio, viene catturata Isabella, che era partita dall’Italia, insieme al suo servitore Taddeo, alla volta di Algeri per ritrovare il suo amato Lindoro – divenuto schiavo del bey -. Sarà dal momento in cui l’italiana verrà portata a corte che inizieranno i guai per Mustafà, che finirà burlato e deriso dai giochi di Isabella, la quale, invece, riuscirà a ricongiungersi a Lindoro e a riportarlo in Italia. La trama, in origine, si ispirava vagamente ad un fatto di cronaca realmente accaduto: la vicenda di Antonietta Frapolli, signora milanese rapita dai corsari nel 1805, portata nell’harem del Bey di Algeri, Mustafà-ibn-Ibrahim e poi ritornata in Italia. Nell’Ottocento, l’usanza delle compagnie di marionette, era quella di mettere in scena spettacoli sotto forma di commedia, suggeriti da vicende realmente accadute e che, come in questo caso, potessero dare spazio all’ambientazione esotico-orientalista oltre che a far leva sul gioco degli equivoci che sta alla base dell’opera buffa. Così nel repertorio della compagnia oltre che a copioni come Il Gran Convitato di Pietra e Il matrimonio segreto, compaiono titoli come Il turco in Italia, Gerolamo nell’Harem del sultano o I tre gobbi di Damasco. Ora, con questo allestimento la Compagnia Carlo Colla e Figli, amplia il proprio repertorio lirico che spazia già da Monteverdi, Melani, Haydn, Hendel, Cimarosa, Verdi, Ponchielli e Puccini legando le note di Rossini al gesto dell’attore di legno.

L’italiana in Algeri

dramma giocoso di Angelo Anelli
musica di Gioachino Rossini
riduzione per marionette di Eugenio Monti Colla
scene e luci di Franco Citterio
costumi di Cecilia Di Marco e Maria Grazia Citterio
realizzati dalla sartoria dell’Associazione Grupporiani marionettisti
Franco Citterio, Maria Grazia Citterio, Piero Corbella,
Camillo Cosulich, Debora Coviello, Carlo Decio, Cecilia Di Marco,
Tiziano Marcolegio, Pietro Monti, Giovanni Schiavolin, Paolo Sette
apprendiste marionettiste Veronica Lattuada, Michela Mantegazza

edizione discografica diretta da Claudio Scimone
riduzione musicale a cura di Danilo Lorenzini
collaboratori musicali Giustina Gueli, Daniele Sozzani Desperati
direzione tecnica di Tiziano Marcolegio
regia di Franco Citterio e Giovanni Schiavolin Produzione ASSOCIAZIONE GRUPPORIANI – Milano
Comune di Milano – Teatro Convenzionato in collaborazione con HUMAN COMPANY TEATRO – RECANATI
Spettacolo realizzato per il Rossini Opera Festival 2019
 nell’ambito della manifestazione Rossini 150

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...