Addio 2020, senza rancore

Come se non lo sapessimo che la scansione del tempo, l’anno che finisce e quello che comincia, è tutta una convenzione; come se non lo sapessimo che è un modo per fare i bilanci, anche se non ci piacciono, per confrontarci coi noi stessi dell’anno scorso, che conosciamo bene, e i noi stessi futuri, quegli sconosciuti che vorremmo diventare.

Ma sì, i più seri lo sanno già: è tutta una montatura commerciale per farci mangiare, bere e soprattutto acquistare, per indurci il bisogno di viaggi esotici, quando si poteva, e cene luculliane, sulle quali ci butteremo quest’anno non potendo appunto viaggiare. Lo sappiamo, sì, che le cose della vita, quello che succede anche se non vorremmo e quello che non vorremmo che succedesse, a partire dalla diffusione di questo virus che ha travolto il 2020, se ne fregano dello scoccare della mezzanotte.

Lo sappiamo, eppure continuiamo a sperare, di più, a credere, anche solo per un momento, che nella fine dell’anno ci sia qualcosa di magico, forse propiziato dal tintinnare dei bicchieri o evocato dalle bollicine nel bicchiere, per cui valga la pena esprimere almeno un desiderio. Un rito, né più né meno.

Addio 2020, senza rancore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...