2 dicembre – Quando non guarda nessuno

Già da qualche settimana sono state sistemate per le strade pisane le illuminazioni che avranno l’arduo compito di allietare i giorni che ci accompagnano al Natale e poi quelli fino al capodanno e alla befana. Gli addobbi delle feste sono insieme un modo tutto esteriore per abbellire la città e un simbolo della spiritualità che identifica nella luce la salvezza; un modo perché tutti abbiano la possibilità di festeggiare anche solo camminando per la strada e una strizzata d’occhio all’appagamento di far parte della festa rendendo più desiderabile entrare nei negozi e magari uscirne con qualche sacchetto pieno.

Finora in pochi le hanno viste: non possiamo uscire se non per motivi precisi e, soprattutto la sera, il momento per il quale le luci sono pensate, non è consigliabile farlo solo per il gusto di passeggiare.

Ha senso qualcosa che nessuno vede? Ci dà speranza o ci mette tristezza sapere che le luci sono lì, ma non possono nemmeno tentare di assolvere alla propria funzione? Forse il senso sta in come ciascuno di noi le interpreta, quelle luci solitarie, e nella pazienza che ci insegnano ad avere nell’attesa di poter tornare a guardarle.

Guarda le finestrelle già aperte del Calendario dell’Avvento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...