Continuiamo a costruire l’umana dimora

CDopo lo stop imposto dall’emergenza, riprendono gli incontri del ciclo Costruire l’umana dimora: la sfida della libertà. Un modo per ripercorrere la storia del ‘900, imparare e migliorarci, promosso dagli assessorati di cultura e turismo e dalla libreria Pellegrini.

Venerdì 11 settembre alle 17.45 nel giardino della Chiesa Universitaria di San Frediano a Pisa (via Pasquale Paoli n.8) si terrà la presentazione del libro Vive come l’erba. Storie di donne nel totalitarismo, scritto da Angelo Bonaguro, Marta Dell’Asta e Giovanna Parravicini per la casa editrice La Casa di Matriona. A presentare il volume con una degli autori, Giovanna Parravicini, ci sarà Stefano Garzonio, direttore del Centro Russo di Pisa e docente di Lingua e letteratura Russa dell’Università di Pisa.

L’evento si svolgerà all’aperto nel pieno rispetto delle norme anti-covid. In caso di maltempo la manifestazione verrà svolta all’interno del salone della Chiesa Universitaria.

 I tre autori del libro sono ricercatori della Fondazione Russia Cristiana e nel loro volume raccontano l’Unione Sovietica e i Paesi del socialismo reale per quello che sono stati, nel quadro del gigantesco esperimento di creazione dell’homo sovieticus. Il focus è sull’avanguardia dell’«emancipazione» della donna, dirigente, astronauta, spazzino, imbianchino, muratore: un’emulazione pressoché totale (esclusa la politica) del maschio, che ha comportato l’esautorazione della famiglia, del suo ruolo educativo, e più in generale dei vincoli familiari. Il risultato, secondo l’analisi del libro, è quello di aver avuto, come spiegano i curatori della rassegna «donne indurite, uomini sempre più latitanti e privi di virilità, una famiglia inesistente, una catastrofica crisi della natalità, giovani generazioni sradicate e allo sbando». Le donne presentate hanno storie molto diverse tra loro: c’è chi è felicemente sposata e chi ha vissuto travagliati rapporti coniugali, chi ha sofferto a causa dei figli messi al mondo, chi ha scelto la donazione di sé attraverso la via monastica oppure. Ma nessuna di loro ha mai «fatto carriera» o ha strappato qualcosa a qualcuno: al contrario, ogni possibile scenario è stato un’occasione di dono, di educazione, di fecondità.

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell’elenco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...