La Cultura che rigenera

Dove meglio che in un luogo storicamente legato al recupero che avviene in un carcere o in un ospedale psichiatrico, può avvenire una rigenerazione umana? E quando più che in un momento come questo limbo post emergenza, una rigenerazione può associarsi ad una rinascita? Volterra presenta la propria candidatura a Capitale Italiana della cultura per il 2022.

Dopo la sospensione delle candidature per il 2021 per lasciare che le occasioni perse a causa dell’emergenza sanitaria possano trovare spazio l’anno prossimo, Volterra si ripropone per l’anno successivo come Capitale Italiana della Cultura presentando un dossier che verrà presentato con 6 appuntamenti che toccheranno i punti chiavi della candidatura a Capitale Italiana della Cultura.

Ri-generazione umana è il titolo che abbiamo scelto per candidare Volterra a Capitale Italiana della Cultura nel 2022. Un titolo nato da una lunga esperienza della nostra città che ha saputo più volte, nel corso dei secoli, ri-generarsi. Un titolo nato prima della pandemia che dagli inizi del 2020 ha ridefinito ogni criterio sanitario, ma anche culturale, sociale ed economico in tutto il pianeta. Pandemia che ha costretto ciascuno di noi a fermarsi, ripensarsi, con autocoscienza e generosità verso il prossimo. Oggi più che mai ri-generazione significa ri-nascita. È la condizione necessaria per guardare da oggi con fiducia al futuro”. Giacomo Santi, Sindaco di Volterra


“Questo dossier coglie lo spunto, lo spirito, le richieste dei tempi difficili in cui viviamo prima ancora della competizione in cui si inserisce e si estende, sia in senso fisico e geografico, sia in senso storico e temporale. In meno di due mesi si sono aggregate intorno alla candidatura più di mille persone, il 10% della popolazione; 52 comuni, di un territorio di cui Volterra è il cuore pulsante, che raggruppano oltre 360.000 abitanti. Ciascuno ha capito di non dover lavorare per sé, ma di poter condividere un obiettivo più ampio, più vero, più duraturo”. Paolo Verri, Direttore di candidatura 

“Volterra, insieme al territorio, vogliono diventare un luogo di sperimentazione di soluzioni inedite. Soluzioni ancora più necessarie ora per offrire i servizi di base della cultura e per continuare a crescere grazie ad un turismo di qualità che la pandemia ha pressoché azzerato”. Ledo Prato, Coordinatore Piano strategico di Volterra e del territorio

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell’elenco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...