I libri, chi l’avrebbe mai detto

I primi appuntamenti del Luglio culturale pisano hanno registrato un successo superiore alle aspettative: grande partecipazione per le prime presentazioni di libri in piazza Cavallotti. Prossimo appuntamento domenica 19 luglio con il libro di Grazia Pulvirenti Non dipingerai i miei occhi, storia intima di Jeanne Hebuterne e Amedeo Modigliani.

Grande successo per le prime presentazioni di libri all’aperto, in piazza Cavallotti, nell’ambito della rassegna Luglio culturale pisano: i libri riprendono la città organizzata da Carmignani editrice e dal comitato Le Piagge in collaborazione con la libreria Erasmus e con il patrocinio del Comune di Pisa. Oltre cinquanta persone erano presenti al primo incontro e, oltre ai libri, hanno potuto curiosare tra i banchi del mercato dell’artigianato che sarà presente nella piazza a tutte le presentazioni. Le prossime quattro saranno domenica 19, martedì 21 giovedì 23 e domenica 26 luglio, sempre alle 21, più l’evento di venerdì 24 luglio, al Bar Lilli sul viale delle Piagge.

Di particolare rilievo il prossimo appuntamento previsto per domenica 19 luglio. L’autrice del libro in presentazione questa volta sarà del tutto estranea al circuito locale. Grazia Pulvirenti arriverà a Pisa dall’Università di Catania, dove insegna come docente ordinaria di Letteratura tedesca, per presentare il suo Non dipingerai i miei occhi  pubblicato a maggio 2020 dalla casa editrice Jouvence e distribuito con ampia tiratura su tutto il territorio nazionale. Da sempre appassionata e studiosa delle arti figurative che sono diventate nel tempo il fulcro dei suoi interessi, Pulvirenti ha dato vita ad un nuovo filone di studi a carattere neuroermeneutico per l’indagine del testo letterario e delle sue componenti visuali.  

Pulvirenti ha curato come regista teatrale opere liriche come Bohéme nel 2008 e Traviata ambientate tra dipinti che si animano rievocando suggestivamente le atmosfere temporali dell’opera. Si è inoltre occupata della tecnica dell’ekphrasis, ovvero la descrizione di opere d’arte in letteratura fino a padroneggiarla a tal punto di applicarla in Non dipingerai i miei occhi, storia intima di Jeanne Hébuterne e Amedeo Modigliani e suo esordio nella narrativa.

A presentare il libro, oltre all’autrice, Alessandro Tosi, professore, saggista e direttore del Museo della grafica, già autore di numerosi testi sulla Storia dell’Arte e del territorio pisano. Noto al grande pubblico per il saggio Parmigianino e Inventare la realtà. Giuseppe Zocchi e la Toscana del Settecento, Tosi ci aiuterà a comprendere il periodo storico-artistico e le tematiche artistiche di Jeanne.

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell’elenco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...