Calendario dei lavori pubblici: cosa cambia e cosa rimane

Il ponte ciclopedonale tra Riglione e Cisanello e le piazze di Marina e Tirrenia; il sottopasso a Putignano e la cappella Sant’Agata; le scuole e i loggiati di Borgo e di viale Gramsci: cosa cambia e cosa resta invariato nel piano triennale 2020-2022. Modifiche per 107 milioni e nuovi interventi in programma nel 2020.

È stata illustrata in commissione consiliare congiunta, che si è riunita lo scorso 26 giugno, la variazione al Programma Triennale dei Lavori Pubblici 2020 – 2022 che verrà presentata nelle prossime sedute del Consiglio Comunale il 9 e 10 luglio, insieme alla variazione di Bilancio. La variazione al Piano delle opere pubbliche, che rientra all’interno del Documento Unico di Programmazione, si è resa necessaria in base alla rilevazione dei nuovi fabbisogni, della variazione di risorse finanziarie disponibili e delle nuove esigenze dettate anche dalla situazione di emergenza sanitaria. Dal punto di vista finanziario la variazione tiene conto della possibilità di applicazione dell’avanzo di amministrazione dell’esercizio 2019, dell’utilizzo di alcuni finanziamenti regionali, statali ed europei e di alcune compensazioni contabili. Il documento prevede una parte di variazioni di opere già inserite nel precedente Programma Triennale e una parte di nuovi interventi.

Rispetto alle risorse finanziarie a disposizione sul triennio 2020-2022, l’importo complessivo del Programma triennale, previsto in origine per 98 milioni di euro, aumenta con questa variazione a 107 milioni di euro, di cui quasi 53 milioni per il 2020 (inizialmente previsti 44 milioni), 36 milioni e 500 mila euro per il 2021 (previsti 37 milioni) e 17 milioni e 500 mila euro (confermati 17 milioni) per il 2022. Complessivamente la variazione registra quindi un aumento di quasi 9 milioni di euro, interamente concentrati nella prima annualità.

“Sulle opere pubbliche abbiamo fatto una scelta politica importante e abbiamo voluto focalizzare la nostra attenzione su alcune infrastrutture che la città attende da tempo – ha spiegato il sindaco di Pisa Michele Conti -, in particolare i sottopassi ferroviari di Putignano, struttura attesa da oltre di trent’anni. Dopo la variazione di bilancio sarà stipulata la convenzione con Ferrovie e nel 2021 potrà partire il cantiere. Questa è una importante grande opera che serve al quartiere e a tutta la città. Per noi è una priorità su cui abbiamo lavorato da subito. Poi, un’altra opera importante è il ponte ciclopedonale che collega Riglione con Cisanello che servirà anche come infrastruttura di accesso all’ospedale; infine, altri interventi di piccole dimensioni, come a I Passi, alle logge di Borgo e di viale Gramsci e interventi sul patrimonio scolastico per la messa a norma antisismica e antincendio. Insomma, con il nostro approccio sempre pragmatico, siamo riusciti a garantire l’anticipazione dei lavori per grandi opere necessarie alla città, seppure in una fase così complicata come questa del post Covid”.

“Sulle scuole – spiega l’assessore ai lavori pubblici Raffele Latrofa – abbiamo deciso il potenziamento degli investimenti per le scuole primarie e secondarie di primo grado di circa 3 milioni di euro finalizzati a portare a termine il piano di manutenzione straordinario per l’adeguamento antisismico e antincendio per gli edifici ancora sprovvisti. Ci rendiamo conto che questi lavori comporteranno disagi per famiglie, ragazzi e personale delle scuole, e chiediamo pazienza perché il nostro obiettivo è quello di risolvere le criticità nei nostri edifici scolastici. Ora stiamo pianificando una serie di riunioni con i dirigenti scolastici per poter calendarizzare un programma dettagliato dei lavori sui singoli edifici che stiamo cercando di pianificare affinché sia minimo il disagio arrecato a bambini e famiglie”.

Cosa cambia per il 2020. Variazioni e nuovi interventi principali

Tra gli interventi che entrano in programma nel 2020, anticipandoli dal 2021 o reintroducendoli dal 2019, opere importanti come la realizzazione del ponte ciclopedonale tra Riglione e Cisanello, il sottopasso di Putignano, la riqualificazione della cappella Sant’Agata e dei loggiati cittadini in zona Stazione, oltre a un’ampia fetta di risorse a disposizione dedicata al comparto delle manutenzioni, sia per quanto riguarda gli edifici scolastici, che il settore di riqualificazioni, efficientamento energetico, illuminazione pubblica, manutenzione strade e decoro urbano, grazie all’arrivo di nuovi finanziamenti regionali, statali e ministeriali che sono stati intercettati su più fronti.

Opere pubbliche

Nella parte relativa alle variazioni, spicca la realizzazione del sottopasso di Putignano, che viene anticipato dall’annualità 2021 a quella in corso, affinchè si possa arrivare entro la fina dell’anno alla firma della convenzione con Rete Ferrovia Italia per la soppressione dei passaggi a livello, già approvata nella giunta comunale del 20 febbraio. L’importo dell’intervento ammonta in sede di variazione a 4.644.000 euro, di cui per 960.000 euro finanziati con tassa di scopo.

La realizzazione del ponte ciclopedonale tra Riglione e Cisanello, relativo alla Ciclopista sull’Arno, previsto nel 2019 viene reintrodotto nel 2020. Con determina della Direzione Urbanistica è stato infatti affidata nel mese di giugno a Pisamo la stesura del progetto esecutivo. L’intervento, di importo pari a 2.835.818 euro finanziati con fondi europei di sviluppo regionale per 1.157397 euro, è parte del più ampio progetto della Ciclopista dell’Arno che comprende anche la Ciclopista del Trammino per raggiungere il litorale, che sarà pronta entro l’estate. La tempistica per l’avvio del cantiere del ponte ciclopedonale, come da accordi con la Regione Toscana, è prevista entro la fine del 2020.

Sul litorale, la riqualificazione di piazza Sardegna a Marina di Pisa, per l’importo previsto di 600 mila euro, viene rimandata al 2021, in considerazione degli interventi attualmente in corso, come piazza Baleari e piazza Belvedere che saranno pronte entro il mese di luglio, di quelli già in gara come piazza Gorgona, dove il cantiere partirà nei mesi invernali, e programmati per il 2020 come piazza Viviani.

Tra le altre opere, nel 2020 c’è la riqualificazione della cappella Sant’Agata, già prevista nel piano delle opere del 2019, ma rimandata a causa di ritardi nell’approvazione del progetto da parte dell’ente cofinanziatore che è la Fondazione Pisa, che finanzia per 261.430 euro su un totale di 348.000 euro; l’intervento di riqualificazione di loggiati cittadini in zona Stazione (viale Gramsci) e in zona Borgo per un importo complessivo di 45 mila euro; la realizzazione della fognatura in zona Aeroporto per un importo di 158.230 euro, a cui si aggiungono compartecipazioni da parte di Acque Spa e Toscana Aeroporti, che migliorerà la capacità ricettiva del sistema fognario del quartiere di San Giusto e San Marco.

Edifici scolastici

Proseguono e si potenziano gli investimenti per la manutenzione delle scuole primarie e secondarie di primo grado, con un investimento complessivo che arriva a 3 milioni di euro, finalizzato a portare a termine il piano di manutenzioni straordinarie e di adeguamento sismico e antincendio agli edifici scolastici sprovvisti. Ammonta a oltre 1 milione la variazione dell’intervento rispetto alla previsione originaria per il 2020.

Estensione del Progetto PIU ai Passi

Vengono aumentati gli interventi in programma per la riqualificazione nel quartiere dei Passi, contenuti nelle tre estensioni al progetto PIU. Si tratta di due interventi in “overbooking” che danno la possibilità di accedere a finanziamenti aggiuntivi della Regione Toscana come fondi residui risultati da economie precedenti, e di un bando in “riserva di efficacia” per la mobilità dolce. Le opere di riqualificazione sono relative a verde urbano, fognature, abbattimento barriere architettoniche, piani viabili, illuminazione pubblica e realizzazione di una nuova piazza. Nel complesso si tratta di tre azioni che puntano a completare l’opera di riqualificazione urbana dei Passi, con l’80% di fondo regionale e il 20% di risorse del Comune, dando la possibilità di investire quasi 1 milione e 300 mila euro in più nel quartiere. Di questi tre progetti, uno è già stato approvato dalla Regione e gli altri due sono in corso di istruttoria. All’interno di questi progetti vengono aumentati di 100 mila euro gli investimenti dedicati in maniera specifica all’abbattimento delle barriere architettoniche.

Manutenzioni e riqualificazioni

Tra i nuovi interventi sono stati inseriti nuovi lavori di manutenzione straordinaria agli edifici assegnati alle attività delle manifestazioni storiche. Dopo un’operazione di ricognizione degli edifici destinati a queste attività, è emersa la necessità di intervenire con lavori di manutenzione straordinaria strutturale che non sono più procastinabili. Per la messa in sicurezza degli immobili è stato destinato l’importo di 120 mila euro per il 2020 e di 150 mila euro per il 2021. 

Sempre tra i nuovi interventi sono stati inseriti due progetti che vengono realizzati grazie all’arrivo di nuovi finanziamenti statali: un primo finanziamento deriva dal Ministero dell’Interno ed è pari a 850 mila euro per da investire nell’arco di 5 anni, in interventi che riguardano l’efficientamento energetico di edifici comunali e l’illuminazione pubblica. Il secondo nuovo finanziamento intercettato riguarda i “Piani di sicurezza per la manutenzione delle strade” e prevede un contributo interamente statale che ammonta a 1.387.716 euro, da investire fino al 2033. 

Infine, tra le variazioni si registra una variazione di finanziamento per la manutenzione straordinaria degli impianti sportivi minori, con un aumento di 109.500 euro per totale di 209.500 euro; l’aumento di 477.150 euro (corrispondenti agli introiti delle sanzioni stradali) di interventi di manutenzione e segnaletica stradale svolti da Pisamo, per un importo finale di 762.312 euro e l’aumento degli interventi di installazione di impianti di videosorveglianza per un valore di 30 mila euro.

Cosa rimane invariato per il 2020

Opere pubbliche. Rimangono invariate e in carico al 2020, secondo quanto previsto dal Piano originario, le seguenti opere: la riqualificazione di piazza Viviani a Marina di Pisa (800mila euro); il dragaggio dei Navicelli (1,5 milioni), interventi per l’edilizia popolare tramite Apes (6.2 milioni); interventi nell’edilizia sportiva con l’adeguamento della pista di atletica leggera e degli spogliatoi al Campo scuola, 2° e ultimo lotto (380mila), interventi sui cimiteri comunali (760mila), rete fognaria (3 milioni), illuminazione pubblica (800mila), interventi sulla sicurezza idraulica (2,2 milioni) e l’intervento per la sistemazione della facciata e ristrutturazione della copertura di Palazzo Pretorio (750mila).

Viabilità Cavalcavia di Sant’Ermete (2,5 milioni), realizzazione rotatorie al Cep e a Montacchiello (950mila)

Decoro urbano Tra gli interventi di maggiore impatto sono previsti interventi la riqualificazione di piazza della Stazione e viale Gramsci (2,2 milioni) e di Piazza Giusti (120 mila euro) all’interno del “Piano Periferie” e interventi in verde e arredo urbano (900mila).

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...