Movida pisana: steward in piazza delle vettovaglie

Da stasera il Comune mette a disposizione gli stewards in zona Vettovaglie e incrementa il numero degli agenti dopo le 24 per contrastare la vendita abusiva di alcol. Si cerca di mantenere il dialogo con le associazioni di categorie per trovare punti di accordo.

Agli ingressi di Piazza delle Verttovaglie e Sant’Omobono ci saranno da stasera 6 steward in servizio dalle 19 all’ una di notte: sarà così dal venerdì al sabato per tutti i fine settimana di giugno. La finalità, è noto, è quella di controllare che l’afflusso di persone segua le regole che tutti dobbiamo rispettare per evitare la diffusione del virus, ma l’idea è che nelle due piazze si renda necessario un controllo speciale nei giorni di maggiore afflusso di persone, per monitorare gli accessi, controllare che chi entra disponga della prenotazione ai tavolini, che siano rispettare le misure di sicurezza delle distanze interpersonali, l’obbligo delle mascherine e tutte le disposizioni previste dall’ordinanza.

L’ordinanza entrata in vigore sabato scorso e valida fino domenica 21 giugno, oltre a vietare la vendita da asporto di bevande alcoliche dalle ore 19 fino alle ore 24 in qualsiasi pubblico esercizio di somministrazione e in qualsiasi esercizio di vicinato, all’interno della zona A che comprende quasi tutto il centro storico, prevede che tutti i pubblici esercizi terminino la loro attività entro le ore 24 e che si conformino alle linee guida e ai protocolli previsti per la ristorazione dall’ordinanza della Regione Toscana n. 60 del 27 maggio. Nello specifico, in piazza delle Vettovaglie e Sant’Omobono l’ordinanza limita l’accesso ai locali solo ai clienti che hanno effettuato prenotazione ai tavoli e stabilisce l’ingresso solo da via delle Colonne e l’uscita da via Domenico Cavalca. La misura limita infine l’accesso agli esercizi di vicinato alimentari delle piazze, soltanto per l’acquisto di generi diversi dalle bevande alcoliche e per il tempo strettamente necessario all’acquisto. 

Gli stewards messi a disposizione dal Comune sono forniti dalla società Check Service di Prato in base ad una procedura di affidamento diretto fatta dal Comune al costo di 4.970 euro per quattro fine settimana di servizio, sulla base di procedenti procedure di gara finalizzate all’affidamento del servizio di operatori per la sicurezza, in occasione di eventi e spettacoli organizzati dal Comune (eventi che poi sono stati annullati a causa dell’emergenza Coronavirus). L’affidamento del servizio è stato effettuato in attesa della definizione della convenzione stipulata da Estar e Regione Toscana per i servizi di vigilanza privata

“Da stasera – spiega l’assessore alla sicurezza Giovanna Bonanno – il controllo degli accessi alle piazze della movida e del rispetto di tutte le misure di sicurezza previste dall’ordinanza sindacale e dalle linee guida della Regione Toscana viene affidato a steward messi a diposizione dall’Amministrazione Comunale. Questo permette di alleggerire il carico di lavoro della Polizia Municipale, che verrà concentrata nella fascia oraria serale e notturna per aumentare i controlli nelle zone più critiche della movida serale. Verrà potenziata la presenza degli agenti nel turno dopo le 24, in modo da contrastare più efficacemente il fenomeno della vendita abusiva di alcol da parte dei venditori ambulanti. Sia in sede di Comitato per l’ordine e la sicurezza che nell’incontro di oggi con i rappresentanti degli operatori economici, abbiamo assicurato il nostro massimo impegno nel contrastare i fenomeni di abusivismo e nel recepire soluzioni da condividere sull’esigenza di regolamentare la movida in centro.”

“Nell’incontro che si è tenuto stamani in Comune con le associazioni di categoria, a seguito del Comitato per l’ordine e la sicurezza che si era tenuto ieri in Prefettura – aggiunge l’assessore al commercio Poalo Pesciatini – abbiamo ascoltato le istanze avanzate dai rappresentanti di Confcommercio, Confesercenti e Cna e ci siamo confrontati con loro per trovare soluzioni condivise e punti di accordo che vadano a modificare l’ordinanza sindacale in alcune parti, come orari di apertura dei locali e limiti della zona rossa, probabilmente a partire dalla prossima settimana”.

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...