L’attesa del piacere

Che i fiori sbocciati siano belli si sa. Ma il boccio che è lì che si schiude, che ti sembra di sentire il fruscio dei petali che scorrono l’uno sull’altro abbracciati, che ancora non profuma o forse sì, appena appena, e ti viene da avvicinarti per sentirlo meglio, ma hai paura di sciuparlo, di rompere l’incantesimo, di intrometterti in un momento magico, unico, intimo; quello, il boccio che ancora non è un fiore, porta in sé una poesia diversa, delicata, forse più difficile proprio perché implicita, ancora non espressa. L’attesa del piacere è essa stessa il piacere? E allora ora, ad un passo dalla fine dell’isolamento, quando già si intravede la libertà che a lungo abbiamo aspettato, è un momento tutto da vivere, delicato e bellissimo.

eggi tutti gli articoli del diario dell’isolamento

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...