All’ultimo minuto

Succede, quando si pensa di avere tanto tempo per fare una cosa, che ci si perda. A chi non è capitato di ritrovarsi a studiare per l’interrogazione del giorno dopo solo la sera, dopo che tutto il giorno ci siamo traccheggiati? Ecco è un po’ come quando, dopo aver programmato all’inizio di marzo di pulire tutta la casa; mettere tutti i libri in ordine di data di nascita dell’autore e magari leggerne una decina almeno nel primo mese; trasformarsi in chef provetti e gustare le proprie produzioni, tanto la prova costume era all’inizio lontana e, dopo, improbabile; allenarsi quotidianamente come se avessimo dovuto prepararci per le olimpiadi, anche se le hanno rimandate; rispolverare l’inglese e imparare una nuova lingua, che quando tutto finirà mi rivendo meglio; ecco, è un po’ come quando, dopo aver programmato tutto questo, ci siamo stesi sul divano esausti perché avevamo esaurito le energie spolverando e abbiamo rimandato tutto il resto. E ora che stiamo, lentamente, entrando in una nuova fase della crisi, ora che tanti stanno tornando a lavoro, ora che ci stiamo avviando, si spera, verso una specie di normalità, ci vengono in mente un sacco di cose che avremmo potuto fare e per le quali ora, accidenti, non abbiamo più tempo.

leggi tutti gli articoli del diario dell’isolamento

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...