Aspettando la stagione

Presentate al Teatro Verdi le prossime stagioni di prosa, lirica, danza e concerti della Normale.

Grandi nomi di richiamo si alterneranno a proposte in grado di suscitare curiosità e stimolare l’attenzione e la capacità critica di neofiti e habitué. Che poi il teatro, come tutte le forme artistiche, serve a questo: a farci riflettere, a farci ridere e piangere, ricordare e guardare al futuro; con speranza o attenzione, vedremo noi. Ci distrae e ci porta dentro alle cose, ci fa sentire parte di una comunità e insieme unici, sulla nostra poltroncina di velluto e nel mondo.

La prima a partire, a ottobre, sarà la stagione lirica firmata dal direttore artistico Stefano Vizioli, che porterà al Verdi L’Empio punito di Alessandro Melani, la prima opera a raccontare le avventure del più celebre libertino di tutti i tempi, Don Giovanni. Si prosegue con due titoli amatissimi: Tosca di Puccini e Ernani di Verdi. Torna poi nella versione del capolavoro mozartiano, il Don Giovanni seguito dall’ultimo lavoro operistico di Rossini, il Guglielmo Tell, assente a Pisa dal 1968. Chiude la stagione Napoli milionaria di Nino Rota. Fuori cartellone, per la sera di San Silvestro, La vedova allegra di Franz Lehár.
Si apre con un grande classico, La locandiera di Goldoni, la stagione di prosa curata da Silvano Patacca, titolo toscanissimo grazie alla collaborazione tra il Teatro di Pisa e Fondazione Toscana Spettacolo onlus, grazie alla compagnia Arca Azzurra Teatro (che lo coproduce insieme al Teatro Stabile di Verona) e alla felicissima Mirandolina di Amanda Sandrelli. Seguiranno un classico della letteratura, Il Maestro e Margherita di Bulgakov, e un testo reso celeberrimo dalla sua trasposizione cinematografica, Viktor und Viktoria, protagonista Veronica Pivetti. Dopo il fuori cartellone del 6 gennaio con il musical A Christmas Carol, adatto all’atmosfera delle festività, l’anno nuovo inizia con l’ironia di Ale & Franz e del loro Romeo & Giulietta, Nati sotto contraria stella, mentre Maurizio De Giovanni, noto per le sue trame noir, si cimenta con la commedia Il silenzio grande, affidandosi al collaudatissimo Alessandro Gassmann. Ci saranno il grande personaggio di Don Chisciotte di Cervantes e le grandi interpretazioni di Alessio Boni e Serra Yilmaz, Lello Arena in Parenti serpenti di Carmine Amoroso, adattamento della commedia da cui fu tratto il film di Monicelli. La stagione si chiude con Geppy Gleijeses, Marisa Laurito e Benedetto Casillo, protagonisti di Così parlò Bellavista, con regia e adattamento teatrale dello stesso Gleijeses.
Cinque grandi titoli nella stagione di danza, realizzata anch’essa insieme a Fondazione Toscana Spettacolo onlus: c’è la prima nazionale di Cinderella Tango di Luciano Padovani; il grande classico Il lago dei Cigni di Čajkovskij proposto da da Fredy Franzutti: un’eco della stagione di prosa con Io, Don Chisciotte di Fabrizio Monteverde; il trionfo della fantasia dell’Alice in Wonderland dell’ucraino Theatre Circus Elysium; l’originale La Natura delle Cose, basata sul poema filosoficoenciclopedico di Lucrezio De rerum natura. Non mancherà l’appuntamento con la serata eXpLo trampolino per giovanissimi.
tel 050 941 111 www.teatrodipisa.pi.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...